Artisti

Yves Klein

Yves Klein, figlio d'arte, nasce a Nizza nel 1928 da Fred Klein, un pittore paesaggista, e da Marie Raymond, una dei primi pittori informali di Parigi. In seguito è attratto, sotto l'influsso dei suoi studi orientali, dalle arti marziali e in particolare dal judo, che comincia a praticare a Nizza nel 1946; proprio di questo periodo sono i primi tentativi pittorici e la scoperta del valore simbolico del colore puro: nascono così i primi esperimenti monocromi tra cui la pittura di un cielo completamente azzurro (1946) e le impronte monocromatiche delle sue mani e dei suoi piedi (1947); accanto alla maturazione della sua inclinazione artistica è da segnalare la nascita della sua amicizia con il pittore e scultore Armand Fernandez Arman. Si reca in Inghilterra, dove trova un impiego presso il corniciaio e doratore Robert Savage; qui ha finalmente l'opportunità di esporre in alcune sale private le sue prime opere monocromatiche sotto il nome di "Yves" (1950). Nel 1951 è in Italia, mentre nel 1952 intraprende un viaggio per la Spagna. Da questo momento si segnala un intensificarsi della produzione artistica di Klein; Del 1955 è la prima esposizione: a Parigi, alla Galerie des Solitaries, presso il salone delle Edizioni Lacoste. Ives lavora come fosse posseduto da un genio creatore e in questo periodo così produttivo ricopre interamente alcune tele con quel colore blu oltremare profondo che egli chiama I.K.B. (International Klein Blue). Sono proprio queste le tele che costituiscono l'oggetto della mostra "Onze propositions monochromes", che si tiene a Milano, alla Galleria Apollinaire; è questo un periodo contraddistinto da numerose esposizioni. Sono del 1958 i primi tentativi di utilizzare dei "pennelli viventi", realizzati presso il suo amico e teorico di judo Robert Godet. E’ da ricordare che nel corso dello stesso anno 1959 è il primo incontro tra Klein, Hains, Tinguely e Restany alla Biennale di Parigi: si tratta di un'anticipazione di quel convegno dal quale l'anno seguente nascerà il gruppo dei "Nouveaux Réalistes". Il manifesto, redatto da Restany, vede la firma di alcuni tra i maggiori artisti del tempo: Arman, Dufréne, Hains, Klein, Raysse, Spoerri, Tinguely e Villeglé; César e Rotella, assenti alla riunione, aderiranno al gruppo subito dopo la sua costituzione. Comincia a realizzare i calchi-rilievo del corpo umano dei suoi amici più cari, Arman, Raysse e Pascal, in gesso dipinto di blu (quello di Arman su fondo oro). Sono di maggio le sue prime opere cinematografiche per Mondo Cane; tuttavia, proprio nel maggio del 1962 è colpito da due attacchi di cuore: il 6 giugno, in seguito ad un terzo infarto, Yves Klein si spegne a Parigi. Due mesi dopo a Nizza, nascerà suo figlio, Yves Klein.
Dettagli opera
La Terre Bleue
Anno: 1957    Dimensioni: 35,5x29,5x28 cm
Tecnica: Pigmento secco e resina sintetica su gesso
Note: Opera venduta
Design e realizzazione: EVO Studios